Anatocismo e Usura Bancaria

Analisi sui mutui

Per procedere all’analisi per applicazioni usurarie occorre tale documentazione:-Contratto di mutuo/finanziamento completo (compreso la sintesi dei costi e piano di ammortamento) o Contabili delle rate pagate (anche se non tutte) e/o estratti conto di riferimento. Soprattutto in presenza di preammortamento. In caso di rimborsi anticipati parziali l’evidenza dei versamenti.
-Bilancio ufficiale disponibile alla data dell’erogazione.
-Eventuale assicurazione sottoscritta.
************************************************************

Centro Studi

Quando denunciare la banca
Per operazioni di mutuo fondiario e ipotecario:

  • Se ha praticato interessi di mora sulle rate del mutuo scadute;
  • Se, dopo aver pagato rate che coprono interamente la sorte capitale erogata, il credito della banca residuo è superiore al capitale originario es. Mutuo 100,00 €uro + rate pagate 110,00 €uro = residuo 120,00 €uro.
  • Se la banca sta vendendo all’asta l’immobile dopo che è stato pagato l’intero capitale e residua altrettanto.
  • Se avete cercato di comporre bonariamente la questione ma la richiesta della banca è assolutamente sproporzionata.
  • Se la banca o la società che recupera il credito vi risponde che l’immobile pignorato per come è stato valutato copre abbondantemente la pretesa del credito della banca.
  • Se vi ha fatto firmare una lettera del riconoscimento del credito.
  • Se successivamente alla notifica del precetto del pagamento avete effettuato pagamenti e la banca non lo ha dichiarato in sede di esecuzione, ovvero non ha dichiarato che il credito del cui il precetto è stato parzialmente estinto.
  • Se nel precetto che vi ha notificato ha anche addebitato la commissione per anticipata estinzione del capitale e successivamente ha continuato ad addebitare e calcolare le rate come da piano d’ammortamento del mutuo.
  • Se nel contratto del mutuo ha scritto che il mutuo sarebbe stato erogato alternativamente su provvista in valuta nazionale o in valuta estera, ed in sede d’erogazione ha erogato in valuta estera.
  • Se ha applicato interessi di mora in cumulo con quelli sulle rate.
  • Se il mutuo è stato concesso per acquisto dell’immobile e, nonostante abbiate versato importi pari al capitale originariamente erogato, la banca non ha diminuito l’ipoteca iscritta, anche senza vostra richiesta.

Se dopo il dicembre 2000 ha continuato ad applicare gli stessi interessi senza modificare il tasso contrattuale portandolo all’8% o al 9,96%, cosi’ come gli interessi dì mora.

Quando denunciare la banca

Per i contratti di conto corrente e le debitorie non ipotecarie:

Se durante il rapporto gli interessi sono rimasti pressoche’ invariati.

Se ha applicato la capitalizzazione trimestrale e non ha stornato o ricalcolato le poste dare avere prima del 2000 riaccreditando le differenze.

Se il contratto di conto corrente era antecedente all’anno 1990/1992 e la clausola relativa agli interessi rinviava agli usi su piazza.

Se il debito non era vostro ma eravate soltanto fideiussori e gli atti legali sono stati notificati oltre sei mesi dopo la revoca del conto corrente.

Dopo la revoca degli affidamenti…

Bisogna inviare lettera alla banca di contestazione della richiesta di rientro in meno di quindici giorni:

Se la vostra banca vi revoca gli affidamenti e vi richiede il rientro in meno di 15 giorni, viola il Testo Unico Bancario e tutti i principi di buona fede e correttezza che regolano i rapporti contrattuali ed è passibile quindi di richiesta danni.
Questo “uso” delle banche non ha alcun fondamento giuridico, morale ed etico pertanto va contestato immediatamente al ricevimento della lettera per iscritto.

Per la contestazione di operazioni bancarie

Ogni operazione può essere contestata nel termine di 10 anni dalla chiusura del conto corrente:

Solamente le singole operazioni di conto corrente hanno il termine di 60 giorni per la contestazione. Se la banca ha arbitrariamente effettuato operazioni si può richiedere l’annullamento di tale operazioni per i motivi più vari e si può contestare anche successivamente se l’operazione di addebito è stata effettuata senza il vostro consenso, è possibile inoltre contestare le operazioni e i saldi che ne derivano anche successivamente sino a 10 anni dopo la chiusura.
E’ necessario effettuare qualsiasi tipo di contestazione a mezzo lettera raccomandata o comunque per iscritto nel termine indicato, di fatto ottenendo prova della contestazione da usare eventualmente in giudizio in caso la banca non voglia saperne di qualsiasi vostra ragione.

Dopo la notifica del decreto ingiuntivo

E’ necessaria la contestazione della pretesa del creditore:

Se non viene opposto il decreto entro il termine di 40 giorni il titolo diviene esecutivo e inoppugnabile!
Dopo tale termine non è più possibile contestare gli importi richiesti se non per vizi gravi che rendono revocabile il decreto.
Bisogna assolutamente rivolgersi ad un legale per l’impugnazione del decreto se le ragioni creditorie non sono fondate.
Nel caso dei conto correnti con chiusura trimestrale l’anatocismo provoca già una ragione di minor credito delle somme richieste.
Nei mutui le rate impagate fruttano ulteriori interessi di mora “anatocistici” e pertanto non dovuti. Con l’opposizione da notificare alla banca tramite un legale convenzionato ASSOTUTELA, si può mettere in discussone tutto il rapporto intercorso e se esistono presupposti si può anche chiedere un risarcimento se l’operato della banca è viziato da illegittimità procedurali, e si raggiunge inoltre il risultato di allungare di almeno un paio di anni i tempi di definizione, e di potere poi chiudere con una onorevole transazione.

Prima del fallimento

Esistono molte possibilità per evitarsi il fallimento in proprio o della propria società, e per concretizzarle bisogna intervenire …

Esistono molte possibilità per evitarsi il fallimento in proprio o della propria società, e per concretizzarle bisogna intervenire possibilmente alle prime avvisaglie di iniziative dei creditori o già appena viene notificata l’esistenza di un ricorso per fallimento.
Nella fase pre-fallimentare l’imprenditore viene invitato a comparire avanti al giudice delegato per esporre la propria situazione, fase decisamente delicata nella quale bisogna operare con tecnicismo economico e giuridico per evitarsi il peggio e per studiare la migliore effettiva soluzione alle problematiche insorte.

Dopo il fallimento

La sentenza dichiarativa di fallimento può essere opposta entro il termine perentorio di 15 giorni dalla notifica dell’estratto:

Va ricordato che la sentenza dichiarativa di fallimento può essere opposta entro il termine perentorio di 15 giorni dalla notifica dell’estratto, decorsi i quali non è più contestabile. Con l’opposizione al fallimento si ha la possibilità di elencare motivazione ed elementi che normalmente non si è riusciti a far valere in sede pre-fallimentare.Dopo il fallimento è possibile conseguire soluzioni di esercizio provvisorio; di gestione dell’impresa, di concordato fallimentare. Il Centro Studi ASSOTUTELA in collaborazione con AITAB E MARITATO GROUP è in grado di valutare caso per caso le soluzioni da adottare, e fare ottenere fidejussioni idonee a potere riassumere o rilevare il fallimento per salvare il patrimonio immobiliare e produttivo.

Ti hanno appena notificato il pignoramento

Va valutata la situazione che ha portato al pignoramento e la regolarità del titolo esecutivo…..

Va valutata la situazione che ha portato al pignoramento e la regolarità del titolo esecutivo, elementi sulla cui scorta poi vanno fatte le scelte solutorie.

E’ sempre certo che il pignoramento è conseguente al mancato pagamento di parte o di tutto il debito contratto.

Esistono per i mutui delle modalità da rispettare, che se omesse, possono invalidare l’azione. Se vi sono anomalie procedurali o validi motivi di contestazione, contro il pignoramento immobiliare si può ricorrere al Giudice alle Esecuzioni con opposizione alla esecuzione e richiesta di sospensione della vendita.

Opposizione esecuzione e richiesta sospensione

L’opposizione all’esecuzione immobiliare, in presenza di motivazioni effettive, può essere proposta in qualsiasi momento e fase esecutiva:

L’opposizione all’esecuzione immobiliare, in presenza di motivazioni effettive, può essere proposta in qualsiasi momento e fase esecutiva.
Un valido motivo di opposizione è costituito dalla capitalizzazione di tassi oltre i limiti soglia della legge anti usura sia per debiti sui contratti di conto corrente, che sui mutui.

Ma dall’esame di ogni caso è possibile rilevare sempre qualche buon motivo idoneo a supportare l’opposizione ed a fermare le esecuzioni.
Il giudizio di opposizione permette inoltre sia di verificare le effettive pretese della banca che di allungare i tempi a proprio vantaggio.

Subito dopo la revoca

Appena la banca trasmette la comunicazione raccomandata di revoca…

Appena la banca trasmette la comunicazione raccomandata di revoca del rapporto affidato e chiede la restituzione delle somme a credito, è conveniente rivolgersi ad uno studio legale convenzionato con lo SNAATC in ogni regione, per le seguenti motivazioni:

la revoca anche se motivata è illegittima ed è impugnabile;

dopo la revoca non bisogna mai rilasciare alla banca lettere in cui si riconosce di essere debitori della somma pretesa, per proporre un piano di rientro in pochi mesi con rate insostenibili;

bisognerà valutare attraverso il riesame di tutto il rapporto intercorso, se esistono presupposti per citare in giudizio la banca, prima che la banca emetta un decreto ingiuntivo.

Dopo la notifica del Precetto

La notifica del precetto di pagamento interviene quando non è stato opposto il decreto ingiuntivo…

La notifica del precetto di pagamento interviene quando non è stato opposto il decreto ingiuntivo.

Col precetto si quantifica il credito con i costi aggiuntivi del decreto e si concede un termine di 10 giorni per il pagamento, che se non effettuato conduce al pignoramento, mobiliare, ovvero di arredi e attrezzature, e immobiliare, se fatto cadere su immobili. Anche in questa fase è ancora possibile proporre una opposizione tardiva al decreto, al precetto ed alla esecuzione.

Dopo la notifica del pignoramento

Si può presentare una opposizione tardiva agli atti…

Si può presentare una opposizione tardiva agli atti esecutivi ed alla esecuzione, che ha valenza soltanto se vi sono forti ragioni di contestazione del credito.

Entro 5 giorni dalla vendita all’asta

Solo, per i beni immobili esiste il termine di 10 giorni…

Solo, per i beni immobili esiste il termine di 10 giorni per il rilancio di un sesto del prezzo, da proporsi nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari, mai a nome del debitore, e se vi sono gravi irregolarità entro lo stesso termine è possibile proporre opposizione all’assegnazione definitiva.

Durante l’esecuzione

Sino al momento della vendita, sia di beni mobili che immobili è possibile…

Sino al momento della vendita, sia di beni mobili che immobili è possibile ricorrere per la sospensione della esecuzione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews