«

»

Apr 27

AssoTutela – Fosso Tre Fontane: girano “Carte-poco-in-regola”

mappa-zona-i-60mappa-zona-i-60IMPROBABILI DOCUMENTI DIFFUSI DA UNA ASSOCIAZIONE METTONO IN DUBBIO LA REALTA’
“Ė triste dover constatare che un’associazione che si definisce ambientalista, metta in dubbio prove schiaccianti sull’esistenza del Fosso delle Tre Fontane documentata, più volte provata, suffragata da un’inchiesta della magistratura e, perfino dai suoi detrattori, ovvero la Regione Lazio che si affretta a cancellarne il vincolo paesaggistico”. Commenta così il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, la nota diffusa sul blog dell’associazione Carte in regola che con grande foga, appoggia la posizione dell’assessore alla Trasformazione urbana del Comune Giovanni Caudo. “ll fosso quando Catarci (presidente dell’VIII Municipio) ha disposto il sequestro era già interrato da tempo – si accalorano i rappresentanti della Cir – e non è vero che lo stavano interrando in quel momento i costruttori”. “Stupefacente – continua Maritato – tale affermazione da parte di chi si pone come difensore dell’ambiente. Vengano, i rappresentanti di Carte in regola, a verificare la mutata orografia del territorio, con i massicci spostamenti di terra particolarmente evidenti su viale Ballarin. Chi li avrebbe fatti quelli? Come mai Carlo Odorisio, presidente del consorzio di costruttori Grottaperfetta, noto alle cronache romane nei primi anni Novanta, ha dichiarato, in un’intervista al quotidiano “La Repubblica” del 12 febbraio 2014 ‘Su quella zona c’è un deposito temporaneo di terra che poi sparirà’? Ce lo spieghino i rappresentanti di Carte in regola, oltre a cincischiare sulla mancata consultazione di documentazione, altrimenti si ha l’impressione che di regole ne rispettino ben poche”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews