«

»

Set 11

MARO’: ASSOTUTELA, DIFFIDATO GOVERNO E FARNESINA PER MANCATA ATTUAZIONE SU PROCEDURA TRIBUNALE ARBITRALE

marò“Abbiamo presentato una diffida formale nei confronti del nostro governo italiano e quindi del presidente del Consiglio, del ministero e del ministro degli Esteri affinché presenti, come le convenzioni internazionali convenute in sede Onu dettano, la richiesta per l’istituzione di un tribunale arbitrale per risolvere una buona volta questa dolorosa vicenda riguardante i nostri Marò Latorre e Girone”.
Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che precisa inoltre: “La diffida è fondata sul fatto che qualora ci fosse una questione internazionale in merito alla giurisdizione da applicarsi in acque internazionali qualora accadano incidenti come quelli che hanno visto interessati i Marò si deve avviare avvia la procedura di nomina del Tribunale Arbitrale – composto da 5 arbitri scelti in seno ad un elenco depositato presso le Nazioni Unite – di fatto investendo le Nazioni unite di un problema che sino ad ora loro stessi avevano glissato. Lo Stato Italiano, o meglio il Governo, ora dovrà dimostrare all’intera assemblea plenaria delle Nazioni Unite di avere quella giusta credibilità internazionale poiché, in difetto, è inutile dirlo che l’esito della decisione del Tribunale Arbitrale oltre ad avere ripercussioni sulla sorte dei nostri connazionali, porrà in evidenza quanto sia la pochezza dell’Italia a livello di politica estera, visti anche i risultati dell’operazione Mare Nostrum”.
“Basta con l’Italietta – chiosa Maritato – siamo una Nazione e non un paese come ci vogliono far credere, non possiamo sempre prestare il fianco o porgere l’altra guancia e soccombere: la vicenda Maro’ identifica perfettamente lo status di inciviltà e di arretratezza sociale della nostra governance”.
Nel dettaglio dei termini delle diffida entra il legale che ha rappresentato nel ricorso di Assotutela. “Il Governo Italiano nella persona del presidente del Consiglio dei ministri nonché il ministero degli Affari Esteri, nella persona del ministro pro tempore avrebbero dovuto avviare ufficialmente dinanzi al Consiglio delle Nazioni Unite, così come previsto dall’art. 3 di cui all’allegato VII della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (United Nations Convention on the Law of the Sea – UNCLOS, in combinato disposto con gli articoli 287 e 298 citata convenzione, formale richiesta di istituzione di un Tribunale arbitrale costituito ai sensi e per gli effetti dell’art. 3 della tabella VII di cui alla detta UNCLOS – conclude l’avvocato Antonio Petrongolo -. Questo Tribunale arbitrale deve determinare l’applicazione alla questione giurisdizionale oggetto della presente diffida la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews