«

»

Set 30

AssoTutela – Stadio Flaminio: degrado e abbandono. No a nuovi impianti

discarica rifiutiIL GIOIELLO DI NERVI DEPOSITO DI RIFIUTI, META DI SBANDATI E ROMA INSISTE A CONSUMARE SUOLO

“Mentre antiche e gloriose strutture giacciono nell’abbandono, a Roma in piena crisi economica, piuttosto che impostare immediate opere di recupero si spreca tempo determinante e si consuma suolo prezioso per progettare faraoniche e discutibili opere, non certo di utilità generale ma per la soddisfazione di una sola parte di cittadini”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “Ė incredibile che attualmente ci si impantani in improponibili progetti, maturati tra incontri segreti e discutibili compravendite, quando il gioiello dei Nervi padre e figlio, è stato realizzato in un anno, tra il 1957 e il ’58 e inaugurato l’anno successivo in previsione dei campionati mondiali di atletica, specialmente se si raffrontano le tecnologie di allora e le stratosferiche possibilità di oggi. Evidentemente qualcosa non va nelle nostre amministrazioni e tra le categorie imprenditoriali, perciò sarebbe bene tornare ai vecchi sistemi – continua il presidente – magari dando la possibilità a centinaia di lavoratori che sono a spasso di rimettersi in moto, rendendo un servigio alla collettività. Il modello di sviluppo proposto si è inceppato da tempo, occorre rivedere tutto nella Capitale. I poteri forti non possono sempre imporre le proprie vedute a danno delle tasche dei cittadini. Occorre immediatamente trovare un accordo tra enti e istituzioni per procedere alla salvaguardia e alla rinascita dello stadio Flaminio altrimenti altro che sviluppo. Di questo passo non andremo lontano”, chiosa Maritato.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews