«

»

Ott 09

AssoTutela – Regione: il ‘regista’ della sanità imbarazza tutta la troupe

regione lazioRINVIO A GIUDIZIO PER ALESSIO D’AMATO AL VERTICE DI UN SETTORE CHIAVE DELLA SANITA’
“Cabina di regia, un assessorato in pectore nella sanità commissariata del Lazio. A chi la affida Nicola Zingaretti? A un indagato dalla procura della Corte dei conti del Lazio: Alessio D’Amato che, per motivi di opportunità, sarebbe sensato veder scendere da tale delicata poltrona, sebbene AssoTutela creda ciecamente nella presunzione d’innocenza ”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato. “Ė imbarazzante leggere sui quotidiani, e non solo testate a orientamento di centrodestra, ‘I soldi dell’Amazzonia per la carriera politica’ e la cosa era nota da tempo, anche in ambienti non strettamente legati alla politica. Come mai Zingaretti ha fatto tale inopportuna scelta? Che meriti e competenze ha Alessio D’Amato in campo sanitario? Sicuramente un’esperienza ventennale in Consiglio regionale ma è sufficiente per penetrare nel complesso mondo delle strutture atte a tutelare la salute? Non sarà certo l’opuscolo su ‘Lady Asl’, volenterosa selezione di articoli di giornale su un noto episodio di corruzione, a costituire un affidabile pedigree del responsabile di rapporti milionari con le strutture della sanità privata del Lazio. La sanità regionale meritava di meglio”, continua il presidente. “Riteniamo che un politico che affronta una campagna elettorale sbandierando slogan quali ‘l’etica della responsabilità’ e la ‘trasparenza’, debba trarre le corrette conclusioni dall’indagine in corso sulla propria persona e togliere il disturbo lasciando quell’incarico finché non sarà dimostrata – come noi crediamo – la propria estraneità alle responsabilità imputate”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews