«

»

Apr 30

ASSOTUTELA – NEMI, TAGLIO DEGLI ALBERI IN VIA DE SANCTIS: LA FORESTALE MULTA IL SINDACO ALBERTO BERTUCCI

nemi - assotutelaE’ un risultato concreto quello che AssoTutela con il suo responsabile Roma nord e Castelli Romani Ivan Galea incassa sulla storia degli alberi tagliati a Nemi su via De Sanctis

Nemi (RM) – Piovono due sanzioni amministrative al sindaco di Nemi Alberto Bertucci per un importo di circa 2 mila e 300 euro per aver tagliato gli alberi in via De Sanctis, a Nemi alta, senza le regolari autorizzazioni. Il Corpo Forestale di Velletri ha inviato le multe in Comune. Inoltre la Procura della Repubblica di Velletri valuterà se vi sono anche reati penali perseguibili. Di fatto è stato acclarato che mancavano persino le preventive autorizzazioni dell’Ente Parco Regionale dei Castelli Romani. E così viene definitivamente fugato ogni dubbio sulla palese incapacità di gestione dell’amministrazione comunale rispetto alla semplice manutenzione del verde pubblico. In poche parole il sindaco ha agito senza attenersi alle più elementari regole regionali e del Parco in materia provocando un ulteriore carico oneroso sulle già tartassate casse comunali di Nemi reduci da pesanti debiti fuori bilancio. E’ un risultato concreto quello che Assotutela con il suo responsabile Roma nord e Castelli Romani Ivan Galea incassa sulla storia degli alberi tagliati a Nemi su via De Sanctis: “Avevamo ragione e i fatti smentiscono le parole senza concretezza che l’amministrazione di Alberto Bertucci nella persona del sindaco ha sparato per difendersi da questa incresciosa storia alla fine della quale a rimetterci sono sempre i cittadini. Ma le bugie hanno le gambe corte e quell’ordinanza tanto decantata non è stata sufficiente a tamponare un’azione scriteriata che si è conclusa con delle sanzioni”.
Fu proprio Assotutela a lanciare l’allarme e rendersi conto che il taglio degli alberi era avvenuto senza un nulla osta del Parco Regionale dei Castelli Romani e in barba alla legge regionale 39 del 2002: “Se il sindaco avesse rispettato il regolare iter – aggiunge Galea – probabilmente il taglio sarebbe stato anche autorizzato, anche se a nostro parere si sarebbe potuto potare e non troncare definitivamente la vegetazione che fa parte del nostro patrimonio naturalistico che abbiamo il dovere di difendere, ma invece Bertucci ha voluto agire senza curarsi delle conseguenze che adesso pesano come macigni e palesano ancora una volta l’incapacità di amministrare anche le attività più semplici e di esempi ce ne sono in abbondanza”.
Chi pagherà adesso per gli errori commessi? Speriamo che almeno il primo cittadino renda conto alla cittadinanza e ammetta di aver sbagliato a non raccogliere le preventive autorizzazioni agendo in maniera superficiale”. Questo è solo l’inizio di una lunga serie di chiarimenti che ancora aspettiamo su numerose questioni. Una fra tante è il caso della casetta riferita al consigliere di maggioranza Elio Frison che ha smontato in pochi giorni beneficiando dell’assenza di controlli la sua piccola abitazione sul lago di Nemi in una zona dove non è possibile costruire. Anche qui – conclude Galea – capiremo fino fondo dove sono stati smaltiti i materiali relativi lo smontaggio della costruzione e se quindi sono state applicati i regolamenti i materia di smaltimento. Le leggi sono uguali per tutti e vanno rispettate soprattutto dagli amministratori che devono dare il buon esempi

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews