«

»

Mag 09

AssoTutela;solidarietà ai lavoratori Tpl, lasciati soli da Roma Capitale

Da due mesi senza stipendio gli autisti dei mezzi dei consorzi privati che gestiscono i bus periferici.

 

“Cosa aspetta il sindaco Raggi per definire la questione delle consorziate che gestiscono i bus privati della periferia romana? Da due mesi senza stipendio i lavoratori non ce la fanno più e noi siamo solidali con la loro manifestazione spontanea dell’8 maggio davanti alla Prefettura. Basta promesse, si risolva il problema una volta per tutte”. L’esortazione proviene dal presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che commenta le vicende ormai ataviche di dipendenti non solo senza stipendio ma senza diritti. “A causa delle inadempienze delle società di gestione e per colpa dell’immobilismo capitolino, i lavoratori hanno dovuto sospendere pagamenti di rate, mutui, si sono trovati costretti ad insolvenze di vario tipo. Così, una parte di città, nell’estrema periferia ovvero quella che si trova più in difficoltà con i collegamenti è rimasta paralizzata.I dirigenti si scusino con i cittadini e con i lavoratori, non certo responsabili per gli inevitabili disagi. L’assessore Meleo – continua Maritato – ha solennemente promesso la soluzione del problema ma noi vogliamo i fatti. La giunta Raggi solleciti la tutela dei lavoratori, applichi le penali per i privati e pensi a regolarizzare gli importi dovuti ai dipendenti, non tralasciando un piano per il futuro assorbimento delle consorziate di Roma Tpl in Atac con contratti collettivi degni di questo nome”, chiosa Maritato.

UFFICIO STAMPA ASSOTUTELA

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews