«

»

Set 17

AssoTutela: “Bene la sospensione cautelare, ora basta errori”

Policlinico Tor VergataTOR VERGATA, PADOVA, OSTIA. I CITTADINI NON SI SENTONO PIU’ SICURI IN OSPEDALE
“Non siamo giustizialisti ma plaudiamo alla decisione del professor Enrico Bollero, relativa alla sospensione cautelare del medico anestesista che ha partecipato all’intervento sulla piccola Gloria”. Commenta così il provvedimento del direttore generale del policlinico Tor Vergata, il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato. “La mattanza negli ospedali deve finire – continua – i cittadini debbono sentirsi sicuri delle mani cui si affidano. Il tragico evento di Tor Vergata ha, purtroppo, avuto altrettanto tragici sequel: un uomo morto a Padova e una donna deceduta dopo l’operazione di colecistectomia all’ospedale Grassi di Ostia. Non è possibile andare avanti così. Ci chiediamo – continua Maritato – a cosa servano i numerosi comitati e commissioni sul rischio clinico, la qualità, il controllo dei processi, la valutazione degli esiti e via elencando, istituiti con grande enfasi negli ospedali e quale esborso di risorse comporti tale profluvio di incarichi”. Il presidente torna poi su una analoga vicenda di alcuni mesi fa. “Questa estate siamo stati i primi, unica voce, a chiedere invano la sospensione cautelare di un medico della clinica Nuova Itor, che ha provocato danni irreparabili a un giovane ragazzo, scambiando un tumore per una banale frattura e occultando la verità. Riteniamo che anche il solo sospetto di imperizia giustifichi appieno provvedimenti cautelativi, quando si tratta di salute e vita dei cittadini. Adesso andiamo avanti, sicuri di essere nel giusto, affinché la nostra sanità, un tempo reputata dall’Oms tra le migliori, torni ad occupare quel posto che le spetta”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews