«

»

Dic 13

AssoTutela: “San Giovanni, aumentano i sospetti e l’omertà”

ospedale san giovanni romaUN ALTRO CASO DI MORTE SOSPETTA. I CONTROLLI SI ESTENDONO, CHIESTA UNA SUPER PERIZIA
“Non si arrestano i sospetti per i casi di infezione da Clostridium Difficile all’ospedale San Giovanni di Roma ma, da sanitari e autorità non arriva nessun chiarimento”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, in relazione alle 8 morti sospette verificatesi nel nosocomio romano in pochi mesi. “La maledizione del letto numero 8 dello stesso padiglione continua: sono 16 le cartelle cliniche prese in esame dal pool di inquirenti coordinati dal procuratore aggiunto Leonardo Frisani e nel nosocomio il mistero rimane ancora fitto. Non una parola dai vertici aziendali, sebbene la famiglia di un nono paziente deceduto abbia chiesto più volte chiarimenti sull’accaduto. Sgomenta anche la sterile prassi avviata dalla Regione Lazio – argomenta Maritato – con la burocratica e sterile richiesta di una relazione. Evidentemente il presidente Zingaretti è troppo impegnato nell’altra oscura pratica di assegnazione delle poltrone ai direttori generali, per poter avviare azioni incisive, con una presenza reale delle istituzioni sul luogo. Purtroppo – chiosa Maritato – quando c’è di mezzo la vita e la salute dei cittadini passa tutto in secondo piano per politici e amministratori, troppo intenti a mantenere le proprie posizioni anche in danno agli interessi della cittadinanza”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews