«

»

Giu 17

AssoTutela. Forlanini: subito messa in sicurezza e riconversione

san camillo forlaniniAGGRESSIONE NOTTURNA NELL’OSPEDALE ABBANDONATO ORMAI COVO DI SBANDATI

“Non vorremmo essere nei panni del direttore Antonio D’Urso: lo ribadiamo. Il direttore, in difficoltà per gli allagamenti dei reparti del San Camillo in seguito al nubifragio di Roma, è ora alle prese con l’ennesimo e oscuro fatto di cronaca verificatosi questa notte all’interno del Forlanini, l’ospedale a tutti gli effetti parte integrante di una grande azienda insieme all’ospedale sulla Gianicolense”. Lancia l’allarme il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, in relazione alla grave vicenda che ha visto protagonisti un gruppo di sbandati e una prostituta. “Per sfuggire alle violenze di questi balordi – chiarisce Maritato – la ragazza si è gettata dal secondo piano di un edificio. Guarda caso, si tratta proprio di un padiglione dell’ex sanatorio, poi divenuto ospedale e ora in via di alienazione per una scelta scellerata della giunta Marrazzo. Come il San Giacomo, la struttura versa ormai in condizioni disperate: pericolante, privo di sistemi di sicurezza, con un futuro incerto e, cosa ancor più sorprendente, malati e reparti tuttora funzionanti all’interno. E una società di vigilanza che non sappiamo quanto costi ogni anno al contribuente. Proprio oggi, appaiono sulle cronache romane elogi sperticati della ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia alla giunta Zingaretti. Si esaltano la trasparenza, la modernizzazione, i risparmi dell’ente territoriale. Ebbene – continua Maritato – la ministra prima di esprimere pareri ‘pilotati’ getti un occhio su tali realtà, si sposti di qualche chilometro, dalle ovattate sale di via Rosa Raimondi Garibaldi allo stato pietoso in cui è ridotto il Forlanini. Poi, signora ministra – suggerisce il presidente – faccia un salto alla vicina Asl Roma D, ubicata in uffici e ambulatori indegni, per cui la Asl regala ai privati quasi tre milioni di euro l’anno e tragga le sue conclusioni su efficienza, trasparenza e risparmi della Regione Lazio.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews