«

»

Nov 08

AssoTutela – Ebola, si chiarisca se lo Spallanzani rispetta i protocolli

ebola - isolamento virusSEMBRA CHE IL TEAM TORNATO DA GUINEA E LIBERIA NON SIA STATO SOTTOPOSTO AI CONTROLLI DI RITO

“Ci auguriamo di aver capito male, oppure auspichiamo che sia stato trovato un rimedio per scongiurare eventuali contagi da Ebola. Certo non rassicurano le notizie provenienti dall’Istituto Spallanzani, centro di riferimento nazionale per l’assistenza ai malati e la ricerca sulla patologia”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “Sembrerebbe che il gruppo di medici provenienti da paesi a rischio, dopo aver trascorso un periodo per l’assistenza ai malati in Africa, non sia stato sottoposto ai controlli e al monitoraggio, come stabilito dal protocollo del Ministero della Sanità, già applicato in altri casi con l’isolamento per 21 giorni e la misurazione della temperatura corporea almeno due o tre volte al giorno. Ci viene riferito che i sanitari hanno preso servizio nel nosocomio romano il giorno dopo il rientro in Italia, mettendo a rischio personale sanitario e pazienti. Se così fosse – minaccia il presidente – AssoTutela valuterà le azioni da porre in essere in quanto con tale leggerezza potrebbe configurarsi un attentato alla salute pubblica. Negli altri Paesi e nel nord Italia si applicano controlli perfino esagerati mentre nel Lazio tutto passa sotto silenzio. Ė questa la trasparenza? Ė così che si vuole imporre il modello di nuova sanità del Lazio? Non ci sembra un buon inizio – chiosa Maritato – e ci auguriamo che l’episodio costituisca soltanto un’eccezione”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews