«

»

Dic 23

San Camillo: armadio robotico, un grande spreco

ospedale san camilloINAUGURATO NEL 2010 CON L’INTENTO DI RISPARMIARE, E’ IN REALTA’ UN GRANDE SPERPERO

“Gli avevano dato il nome familiare di Mario, per farlo digerire. In realtà l’armadio robotico del San Camillo, presentato in pompa magna dall’allora direttore Luigi Macchitella e dal vicario di Marrazzo, Esterino Montino, si è rivelato un grande bluff e un sperpero assoluto”.
Lo sostiene il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “il dispensatore automatico di farmaci, costato 16 milioni e preso in consegna dalla farmacia del San Camillo, doveva avere determinate caratteristiche: tracciabilità, sicurezza e risparmio nella spesa. In realtà negli anni si è dimostrato che il sofisticato strumento ha caratteristiche assolutamente opposte, sintetizzate in una delibera dello scorso 19 novembre, in cui si afferma che i risultati non sono in linea con i benefici previsti. Chi pagherà per i 3 milioni di euro annui investiti sul fallimentare esperimento?”, si chiede Maritato. “Si era stimata per l’appalto una spesa di 18 milioni di euro in 7 anni, con un risparmio di circa 10-13 milioni di euro l’anno. Nei fatti, problemi strutturali, incompatibilità con alcuni farmaci ed elevati costi di gestione e manutenzione hanno trasformato i benefici in ulteriori spese. E la regione, come sempre, tace e comprendiamo. Se l’ideatore di tale dubbia sperimentazione siede ancora come commissario nella Asl di Viterbo in modo arbitrario, il suo mentore Zingaretti non può smentire se stesso. AssoTutela farà di tutto perché tale scempio abbia fine e porterà le carte in Procura perché contro tale tracotanza ormai non bastano più le parole”.
Roma, 22 dicembre 2014

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews