«

»

Feb 28

AssoTutela – Ex manicomi giudiziari: pubblicità ingannevole della regione

L'offerta sanitariava liberalizzata RICONVERSIONE DELLE STRUTTURE SUL TERRITORIO. 132 ASSUNZIONI SOLTANTO PER LORO, NON PER I PS

“Nella sanità del Lazio si torna ad assumere. Con tale trionfalistico titolone, il quotidiano comunicato della Regione Lazio voleva darla a bere a cittadini sconfortati per le condizioni del settore, a operatori esausti e a professionisti della comunicazione che si sono ben guardati dal cadere nel prevedibile tranello”.

Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “In realtà, le 132 assunzioni per concorso, suddivise tra medici, psicologi, infermieri e altre figure idonee all’assistenza, sono previste in maggior misura nelle province del Lazio, dove sorgeranno le cosiddette Rems, acronimo che ha ribattezzato gli ospedali psichiatrici giudiziari chiusi con legge nazionale del 2012 e riconvertiti in residenze socio-assistenziali e nulla è riservato alla ‘bomba’ pronto soccorso, pronta ad esplodere in ogni momento. Sacrosanto il diritto all’assistenza di tali pazienti ma qualche perplessità nasce. Come mai si parla di sedi provvisorie? È vero che per la ‘temporanea’ ubicazione presso l’ospedale Santissimo Salvatore di Palombara Sabina si spendono due milioni per l’adeguamento dei locali? Ci risulta che tale decisione abbia provocato una vistosa crepa tra i rappresentanti del partito del presidente: i parlamentari hanno presentato un’interrogazione in linea con il comune sentire dei cittadini mentre il decisionista Zingaretti va avanti come un treno per dimostrare a tutti che la sanità regionale è cambiata davvero, in spregio a tutto e a tutti”, conclude Maritato.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews