«

»

Giu 14

Ambulatori vaccinali: “Vietato insultare i dipendenti”

 Il decreto del ministro Lorenzin che obbliga a 12 vaccinazioni crea caos nei presidi Asl.

“Non aggredire gli operatori. Non è una nostra raccomandazione ma esattamente quello che c’è scritto su alcuni cartelli apparsi in alcuni ambulatori dove si praticano le vaccinazioni ai bambini, ormai diventate obbligatorie, dopo il decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin”. Lo dichiara Michel Emi Maritato, presidente di AssoTutela e candidato alla presidenza della Regione Lazio, che insiste: “Come al solito nel nostro Paese si fanno sempre i conti senza l’oste.Consideriamo i vaccini una grande conquista della scienza, non siamo assolutamente contrari a questi ma obbligarne 12 senza prima sincerarsi sull’organizzazione delle Asl è sciagurato quanto non praticare l’immunizzazione ai più piccoli. Così, non è raro vedere negli ambulatori vaccinali genitori disorientati di fronte a liste di attesa interminabili e inferociti in alcune situazioni limite, al punto da sfiorare la rissa. E anche di più, a volte scatta il meccanismo dell’aggressione agli operatori sanitari, le vere vittime degli errori dei decisori, da sempre in prima linea a parare tutti i furori di persone comprensibilmente agguerrite”, insiste Maritato. “Questo dimostra lo scollamento tra ministero e regioni, tra vertici e base, tra operatori e cittadini. In poche parole, la sanità di Zingaretti e Lorenzin, tutta annunci e apparenza e pochissima sostanza”, chiosa il presidente.

UFFICIO STAMPA ASSOTUTELA

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews