«

»

Ago 12

Sanità : Assotutela a favore dei cittadini

AssotutelaxYouTubedi Ylenia Di Ciancia

“La legge è uguale per tutti” questa è la frase che risalta ai nostri occhi appena entriamo in un tribunale, o se leggiamo la nostra costituzione, parole che ultimamente sembrano aver perso il loro immenso valore, dati gli ultimi casi negativi che sono accaduti e che continuano ad avvenire, soprattutto per quanto riguarda uno dei fattori più importanti, che dovrebbe essere messo al primo posto dalle autorità, dai cittadini, dai politici, dai medici, da ogni individuo: la Sanità!
Le leggi che riguardano la sanità sono riuscite a dare il peggio anche nella regione Lazio, dove vede protagonista il governatore regionale Nicola Zingaretti, recentemente denunciato da AssoTutela. Il presidente di questa associazione Michel Emi Maritato, ha esplicitamente richiesto di ottimizzare ogni fase che riguardi tutto il pacchetto riguardante la sanità, dalle prenotazioni alle visite, dai servizi ai prezzi.
Viene inoltre richiesta al governatore della regione Lazio di potenziare, e quindi rendere più efficiente, il servizio sanitario Recup, per fare in modo di ridurre i tempi di attesa che passano da una prenotazione alla visita vera e propria, ci sono stati, e ci sono ancora, casi che hanno avuto dei tempi di attesa allucinanti! Ecografie del capo e del collo che sforano i 365 giorni nella maggior parte delle strutture ospedaliere romane, risonanze magnetiche per il cervello e tronco encefalico che hanno addirittura un tempo di attesa minimo di 240 giorni presso gli ospedali di Frosinone, e circa 300 giorni per quanto riguarda il policlinico di Roma Tor Vergata, e questi sono solo alcuni esempi dei tantissimi casi che ogni giorno capitano a persone che credono ancora nella sanità e che puntualmente rimangono delusi e frustrati da questi servizi a dir poco imbarazzanti, persone che sperano in un miglioramento della loro condizione, e che alla fine, dopo tanti tentativi, sono costretti a fare visite private dove i tempi d’attesa miracolosamente si accorciano nonostante le strutture rimangano le stesse .
Per questo motivo AssoTutela procede con la denuncia al governatore Nicola Zingaretti, per far sì che il decreto 124/98 dell’articolo 32 della carta costituzionale Italiana venga rispettato e messo in atto.
Nella prima parte della Costituzione dove sono iscritti i diritti e doveri dei cittadini per quanto riguarda i rapporti etico-sociali, l’articolo 32 tutela la salute come fondamentale diritto di qualsiasi individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Ad oggi, dunque, c’è un effettiva violazione della legge stando ai casi riproposti poche righe più su.
Dopo le numerose indagini fatte secondo AssoTutela , la sanità romana sta subendo un vero e proprio collasso. Tempi di attesa che diventano mesi, addirittura anni, la salute non può aspettare, non può essere accantonata come un bene materiale.
La salute è il bene principale che ognuno di noi dovrebbe mettere al primo posto, avendo la salute si possono fare progetti per il futuro, si può pensare di costruire un avvenire, è un diritto di ogni individuo, senza attese, senza la paura di non poter godere degli anni più belli, e senza rischiare di dover aggravare la propria condizione. Innumerevoli sono stati i casi dove le cure prenotate mesi prima sono poi risultate inutili, inconcludenti. Ed è proprio questo il motivo per cui ogni servizio riguardante la sanità dovrebbe essere ottimizzato e garantito, per la salute e la tutela di ogni cittadino affinché possa vivere la propria vita in maniera quanto meno sana, integra ed adeguata, e non con il timore di poter essere abbandonato dalla società, ma al contrario possa essere aiutato e assistito.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Hit Counter provided by technology reviews